Skip to content Skip to footer

In questa pagina vogliamo fornire tutte le informazioni riguardanti la sicurezza. 

La prima regola che abbiamo sempre seguito in oltre venti anni di attività situazionali in volo è che in  primis c’è sempre la sicurezza e l’incolumità dei nostri passeggeri. La sicurezza non è una cosa precisa fatta solo di attenzione, bensì la sicurezza è un insieme di regole e metodologie, ordine dei materiali e una  disposizione mentale e professionale su più elementi quali: 

Attrezzature: le nostre attrezzature sono sempre nuove ed omologate in base a severe normative europee. Aggiornate e revisionate periodicamente in base alle linee guida di mantenimento dettate dalla casa costruttrice, costantemente controllate ed in perfetto ordine. Per le ali con queste caratteristiche di controllo, un eventuale incidente causato da cedimento strutturale è concretamente nullo. Gli imbraghi che utilizziamo hanno integrato la protezione sotto-seduta in materiale assorbi compressione.  I caschi che compongono il nostro corredo di volo possiedono l’omologazione specifica per l’utilizzo volo  libero. Inoltre, i tutti nostri piloti hanno stivato nell’imbragatura il paracadute di emergenza. Questo sistema di sicurezza consente di innalzare ulteriormente il livello di sicurezza per uscire in extremis da situazioni gravi e può essere azionato in caso di malfunzionamento del mezzo. Tuttavia, bisogna sottolineare che le ali biposto che utilizziamo sono certificate da severi enti europei di omologazione con  una elevatissima sicurezza passiva. Un eventuale lancio del paracadute di emergenza è davvero molto molto remoto, in oltre 20 anni di attività e migliaia di voli tandem effettuati dal nostro team non è mai stato utilizzato! 

Previsioni meteo su larga scala e condizioni meteo locali: questo è un aspetto che ricopre una grande  importanza nella pianificazione di un volo in totale sicurezza. Le nostre previsioni meteo per il volo sono  divise su 2 binari distinti ma paralleli: quello che è la previsione meteo sulla copertura nuvolosa cioè sole, pioggia e nuvole e separatamente le previsioni dei venti su larga scala anche a carattere locale. Per godere di condizioni ideali per il volo, queste due previsioni devono combinarsi (ci appoggiamo su vari siti  specializzati in previsioni specifiche per il volo a vela). A volte può accadere che ci siano giornate  estremamente soleggiate ma troppo ventose che non ci consentono di volare, come può accadere che ci  siano giornate piuttosto nuvolose con condizioni di vento e di ascendenze termiche ideali che ci consentono di compiere dei voli veleggiati molto belli. L’ideale per il volo veleggiato è una copertura  nuvolosa di “cumulus humilis” di quattro/ottavi, (otto/ottavi è un cielo completamente nuvoloso)  cioè che ci sia un cielo composto sia da sole che da nubi convettive; queste nubi ci permettono di individuare e  sfruttare agevolmente le correnti termiche ascensionali. 

Inoltre la capacità di leggere la situazione meteo prima di andare in volo è fondamentale, a volte può  accadere che al momento del decollo le condizioni meteo non siano ideali, per cui si ritarda l’uscita in volo  finché le condizioni non siano ritornate ottimali. Il cosiddetto “para-waiting” è un aspetto intrinseco del  volo libero nel sapersi adattare alla natura e alle sue condizioni meteo. Generalmente nella fase di pre-decollo il passeggero avverte po’ di timore, abbastanza normale visto il contesto di un’ esperienza  totalmente nuova. In questa fase è importante ascoltare e seguire le semplici istruzioni impartite dal  pilota/istruttore. Non appena decollati, le sensazioni precedenti svaniranno e saranno subito rimpiazzate  dalla sensazione di sicurezza. 

Soggettività del passeggero: ognuno di noi possiede delle caratteristiche sia fisiche sia di esperienze  personali differenti.  Per noi, la soggettività del passeggero è una componente fondamentale. La parte soggettiva che teniamo molto in considerazione è il lato emotivo del passeggero. Ognuno di noi  vive in maniera differente l’emozione del primo volo in parapendio, per cui non vi preoccupate se ci sarà  un po’ di tensione oppure vi sentirete un leone, organizzeremo la miglior esperienza anche in base alle  vostre caratteristiche personali e alle vostre aspettative. 

La seconda variante è il lato oggettivo, cioè il peso (kg.) del passeggero. Una variante che teniamo sempre in conto nel momento di concordare l’orario dell’attività, i passeggeri “leggeri” ci permettono di eseguire un  decollo anche in assenza di vento tipico della mattina, mentre per facilitare ed eseguire un decollo in piena sicurezza con un passeggero “pesante” necessitiamo di un po’di brezza frontale, che spesso si genera  nell’orario di centro giornata.

Inoltre, una nota di attenzione va  rivolta anche al vestiario utilizzato, in particolare la calzatura, che deve essere adeguata tipo scarponcino o  carpa bassa da  trekking con suola scolpita, NO sandali  o  scarpe  a  suola liscia e/o senza lacci. Nella fase di volo il telefonino dovrà essere riposto per non avere il rischio di  perderlo causando un eventuale grande pericolo per chi si trovasse nella zona sottostante. 

Preparazione e caratteristiche del pilota: ogni pilota per volare in regola con attrezzatura tandem deve  possedere l’abilitazione al trasporto del passeggero. Questa abilitazione successiva al primo brevetto di volo in singolo, è rilasciata dalla “AeCi” Aero Club Italia che è un ente pubblico del Ministero dei Trasporti.  In seguito a ciò, come in tutti gli ambiti professionali, ci sono soggetti che possiedono delle abilità più  marcate rispetto ad altri. I nostri piloti hanno tutti un livello di preparazione e di esperienza davvero alta.  Vedi pagina Chi Siamo. 

Briefing di decollo(relazione tecnica esplicativa): è l’insieme delle tecniche che consentono al passeggero di collaborare attivamente con il pilota per la buona riuscita del decollo e del volo. Questa spiegazione al  passeggero può variare leggermente da pilota a pilota in base: alla presenza di brezza in decollo, al peso (kg) e soggettività del passeggero, alla tipologia del decollo utilizzato, alla tipologia di ala utilizzata. Questa  spiegazione permette a pilota e passeggero di eseguire un decollo in piena sicurezza. 

Assicurazione: Il pilota abilitato al trasporto del passeggero è responsabile della propria condotta del volo, ed è obbligato per legge a stipulare una copertura assicurativa che copre in caso di danno accidentale il  passeggero. Eventualmente per saperne di più contattateci. 

Per noi qualsiasi condizione di non sicurezza presume la non praticabilità dell’attività. 

 © testo iflytandem.net